Andare in basso
lucisano domenico
lucisano domenico
Messaggi : 76
Data d'iscrizione : 11.12.18

NE' CORAGGIO, NE' AVVENTATEZZA......MA SOLO CONSAPEVOLEZZA Empty NE' CORAGGIO, NE' AVVENTATEZZA......MA SOLO CONSAPEVOLEZZA

il Sab Dic 29, 2018 6:58 pm
Timungo, nostro iscritto benvenuto, ha inviato la nota accorata e commovente che riporto qui di seguito  e da cui voglio trarre lo spunto per inaugurare questo argomento:

"Caro Domenico,
ho appreso solo oggi dell’esistanza di questo forum, ho tentato diverse volte di contattatarti telefonicamente
al numero fisso, purtroppo nessuno ha mai risposto, avevo voglia di complimentarmi con te, di esprimere la mia infinita ammirazione per chi ha avuto tanto ardire, io troppo vigliacco per mettere anche un like sulla tua pagina FB, sono entusiasta all’idea di potermi finalmente complimentare con te.
Quanto alla nostra storia da “Affiliati”, ci sentiamo come criceti sulla ruota, non abbiamo paura di perdere privilegi, perché di privilegi non ne abbiamo, ma abbiamo il terrore che la ruota si fermi, perché se dovesse accadere non saremmo in grado di pagare i debiti accumulati negli anni di corsa insensata e finalizzata, unicamente, a tenere in vita questo perverso meccanismo di sopravvivenza.
Abbiamo firmato e accettato di tutto, addendum, regole vessatorie, abbiamo sottoscritto variazioni contrattuali mostruose, solo perché mossi dalla paura dello spettro della disdetta.
Abbiamo atteso il cambiamento con la masochistica consapevolezza che non sarebbe mai arrivato, poi quella sera, seduti sul divano a riposarci dalla giornaliera inutile corsa, sei apparso tu a dare voce a noi tutti che non abbiamo mai avuto il tuo coraggio.
Abbiamo aperto il primo negozio tanti anni fa, per onorare la verità abbiamo conosciuto tempi migliori, ma è già da troppo tempo, troppi anni, che per tirare la carretta siamo costretti a ricorrere a prestiti e fidi.
Uno dei problemi riguarda le già citate pratiche scorrette del 187,
forse qualcuno ha perso la memoria, ma per rimborsarci il canone di locazione avevano abbassato i nostri compensi, e si erano inventati questa voce di “rimborso”, che non era nient’altro che quanto dovuto, rinominato in altro modo e che, come tutti sanno, legato a situazioni che variano di volta in volta, una costante fra le svariate situazioni è il mistery, sicuramente non tutti sanno come venga reclutato questo soggetto e quanto poco possa essere esperto nel formulare una nostra oggettiva valutazione, la candidatura a diventare “cliente misterioso” è infatti demandata ad una società esterna a Telecom che di volta in volta pubblica su un App “la missione”, la quale viene affidata al primo che si propone, un iscritto all’app non formato, magari annoiato, oppure ansioso di guadagnare pochi spiccioli, infatti in cambio di un compenso che varia dai 5 ai 10€ ci valuta su un insieme di items che sono giudicabili solo da addetti ai lavori, non certamente da un profano, ovviamente questo fa parte del gioco del cattivo pagatore, se il valutatore inesperto ci giudica male l’azienda non paga il tanto agognato compenso.
Vi hanno mai rubato un pacco contenente merce prima che sia giunto in negozio? Prima la responsabilità era di Telecom ora è la nostra e se dovesse accadere interverrebbe un’assicurazione a coprire una parte del maltolto, ma il resto dobbiamo pagarlo NOI, scaricando Tim da ogni addebito.
Non abbiamo nessun controllo, ne sui rimborsi, ne sul bill size, ne sui conteggi e quando è capitato di contestare i compensi, con evidenze alla mano, i controlli da parte loro sono durati dei mesi e spesso hanno prodotto contentini poco soddisfacenti atti a chiudere le contestazioni, che per nostro sfinimento venivano ovviamente cessate.
Insomma tanto lavoro e tanti rospi da inghiottire, Domenico grazie ancora per aver dato voce a noi tutti.

Un anonimo coniglio aspirante leone"

======================

Credimi caro amico, come esordivo nel titolo NE' CORAGGIO, NE' AVVENTATEZZA....MA SOLO CONSAPEVOLEZZA  Rolling Eyes del fatto che il presente, quello che sivive oggi e che io stesso ho vissuto fino al 5 novembre di quest'anno, giorno in cui è stato risolto il rapporto con TIM, è  ben poca cosa rispetto a ciò che può riservare (e che inevitabilmente riserverà) Shocked  il futuro continuando day by day a persistere  in questo insano rapporto con questa società.
E non penso di dovere dilungarmi su questo aspetto, basta confrontare gli  E/C bancari degli anni precedenti, poi dare uno sguardo a quello del 2018 ed immaginare, senza sforzarsi troppo di quella che potrà essere la situazione prossima e futura: un disastro!!
E se a questa consapevolezza ci aggiungi lo sdegno che alberga in ognuno di noi, per essere stati trattati come braccianti agricoli extracomunitari, non mi pare che occorra molto altro.
Ricordo che quando ci fu il disastro delle Torri Gemelle, tra le varie clip che giravano sui media, ce n'era qualcuna che riprendeva delle persone che si gettavano dall'ennesimo piano di quei grattacieli ed inevitabilmente ognuno di noi esclamò: che coraggio!!
Ma a pensarci bene il vero coraggio sarebbe stato restare lì e farsi bruciare vivi..... Sad
Al contrario, gettarsi poteva essere una speranza o comunque la sicurezza di una morte meno dolorosa.
Ora il problema, quello vero, è: fino a quando si è disponibili ad allungare l'agonia?  
Come già ho avuto occasione di dire: Questi signori non solo ci hanno impoverito di quattrini, ma ci hanno furbescamente ed in modo mirato, rubato il tempo, quello che serve per controllare, riflettere e assumere le decisioni conseguenti.
Ma il gioco è miseramente finito quando, la loro aviditàpirat , ha fatto in modo che in ognuno di noi svanisse anche la più pallida speranza che le cose potessero cambiare.
ORA IL TEMPO DELLE CHIACCHIERE E' FINITO, ANCHE QUELLE DELLA MIA AREA MANAGER CHE UN GIORNO MI DISSE CHE PER LEI L'ONESTA' ERA UN VALORE ASSOLUTO....., ADESSO E' ORA DEL REDDE RATIONEM Twisted Evil
Torna in alto
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum